Filetti di Salmone Riomare, come il tonno: tutti a mare

Filetti di Salmone Riomare, come il tonno: tutti a mare

Non è chiaro per quale motivo scegliere Kevin Costner per parlare di tranci di pesce in scatola in un paese di mare dove gli abitanti sembrano incapaci di rendersi conto che le scelte di Kevin sono fuori luogo. Sembra un video per dimostrare quanto il fascino delle star cinematografiche sia capace di annullare ogni capacità di pensiero autonomo e spirito critico. E’ come vedere Carlin Petrini mangiare da Mc Donald. Non rubatemi...
De Cecco, il segreto di una buona campagna è … farla semplice

De Cecco, il segreto di una buona campagna è … farla semplice

Una delle campagne più intelligentemente semplici degli ultimi tempi ha nel suo claim (il segreto di una buona pasta è la pasta) la forza che rischia di venir depotenziata dalla voglia di sequel dei suoi ideatori. La prima versione ha funzionato bene ed ha lasciato il segno con il suo indiscutibile claim. Ora la ricerca di varianti ne sta depotenziando l’efficacia annacquandola con scenette che allontanano il ricordo forte originato dalla prima versione. E’ il classico caso in cui sarebbe più opportuno continuare a far passare solo la versione...
FINDUS: Panatura o Pane farcito?

FINDUS: Panatura o Pane farcito?

Colpisce questo spot per la confusione che crea. Oggettivamente se non conosco nulla del prodotto e del produttore (e dovrebbe essere il punto di partenza di ogni campagna che non sia presuntuosa) da questo spot arriva il messaggio che Findus ha messo in commercio dei panini congelati con dentro vari tipi di carni panate. Già Pronti. Invece quello che si trova in commercio sono fettine rotonde o quadrate e panate. In un mercato dove Mc Donald e Burger king mostrano immagini analoghe di un prodotto che effettivamente trovi nei punti vendita fatto “quasi” come negli spot. Sembra insomma che Findus faccia concorrenza a Mc Donald etc… invece vende fettine panate. Un modo di trattare il prodotto foriero di delusione all’atto dell’acquisto. Un overpromise che mina l’investimento...
Il latte è bello!?  Ferrero fetta al latte

Il latte è bello!? Ferrero fetta al latte

In questo spot la voce fuori campo dei bimbi dice che “il latte è una cosa bella, bianca come una stella” e che “fetta al latte è una cosa buona”! Che tipo si segnale passa? Che al latte si attribuiscono solo qualità estetiche (con il chiaro intento di farlo ripetere dai bambini “all’ascolto”) mentre l’indice di bontà slitta verso la merendina. In questo modo si educano i bimbi ad un uso scorretto anche dell’italiano per quanto riguarda il latte. Il pensiero proviene da adulti che fanno parlare bambini. Un uso scorretto dello strumento almeno quanto quello di suggerire strumentalmente la bontà di un prodotto inserendolo in contesti di allegria e affetti per nulla collegabili alle qualità del prodotto e che sono tutte da...
DURACELL. Una carica residua dura da capire lunga da spiegare

DURACELL. Una carica residua dura da capire lunga da spiegare

A mettersi d’impegno si intuisce dallo spot in onda che la pila Duracell può essere ancora utilizzata alla fine della carica inserendola in apparecchi più piccoli e che richiedono meno potenza. Questa scelta è possibile grazie al visualizzatore di carica residua. Ma, come dicevamo all’inizio, per capirlo ci vuole molta buona volontà e la prontezza di leggere un testo poco leggibile in sovra-impressione. L’uso dei pupazzi animati porta via tempo e modo di spiegare il beneficio. Alla fine si capisce solo che dura di più, che però non è una novità. Non si riesce invece a cogliere il motivo per cui è stato fatto lo spot. Da...
Più lo conosci e più ti piace… se riesci a vederlo. Il gorgonzola.

Più lo conosci e più ti piace… se riesci a vederlo. Il gorgonzola.

Basandosi sulla presunta notorietà di un cuoco viene tentata la visione di ricette in cui appare anche il gorgonzola. Ma ahimè, l’evidente abitudine alla nouvelle cousine di questo cuoco non viene preventivamente concordata con l’addetto alla fotografia. Risultato: i tempi di visione dei vari piatti presentati nei vari spot e la presunta arte di impiattare con minimalismo impediscono di vedere non solo il gorgonzola ma anche di capire se gli ingredienti dichiarati ci siano nel piatto che, oggettivamente, appare un oggetto misterioso. Oltretutto, l’evidente minimalismo suggerisce un utilizzo minimo dell’ingrediente...